Riunioni a notte fonda e decisioni prese all’alba: ministri attaccano Conte sul caos organizzativo

Tempo di lettura:45 Secondi
Riunioni a notte fonda e decisioni prese all’alba: ministri attaccano Conte sul caos organizzativo

A Palazzo Chigi pare stia accadendo di tutto. Conte non sta dando l’impressione di avere le idee chiare e sta trascinando tutti i ministri in un cortocircuito organizzativo, tra riunioni a notte fonda e decisioni prese in orari improbabili. L’ultima questa notte, per l’approvazione della legge di bilancio, durata ben tre ore.

Qui c’è un problema cronico” avrebbe detto un ministro, secondo il vociferare di Palazzo. E non sarebbe l’unica lamentela. Eppure Conte risponde che non è possibile fare altrimenti, che le agende da incastrare sono numerose, così come coloro da consultare. C’è poi chi ha sottolineato come una simile tendenza sia quasi diventata un tratto distintivo del governo PD-5 Stelle. Gli italiani, non a caso, faticano a capire le mosse dell’esecutivo, quando invece sarebbe doveroso informarli chiaramente e tempestivamente in merito a ogni informazione che li riguarda, essendo in primis loro al centro di qualsiasi decisione intrapresa.

CC