Covid- Palestre e piscine a rischio chiusura? Nessuna decisione al varo per parrucchieri e centri estetici

Tempo di lettura:51 Secondi
Covid- Palestre e piscine a rischio chiusura? Nessuna decisione al varo per parrucchieri e centri estetici

Le indiscrezioni sulle nuove decisioni del Governo, mirate a contrastare l’emergenza Covid, sembrano non prevedere chiusure per parrucchieri e centri estetici, mentre il fermo è probabile per le palestre e le piscine. Al vaglio sono inoltre gli sport di contatto dilettantistici, su cui sono attese nuove norme, anche relativamente all’affluenza di pubblico negli impianti sportivi.

L’Aicast, Associazione Industria Commercio Artigianato Servizi e Turismo, ha scritto ad alcuni ministri del Governo in carica per evidenziare l’allarme nel comparto dell’estetica maschile e femminile. L’ipotesi della chiusura di parrucchieri, barbieri e centri estetici è stata definita “inaccettabile” dal settore, avendo quest’ultimo già subito forti perdite.

«È necessario ragionare sul fatto che queste attività non producono assembramento in quanto sono gestite su prenotazione. Magari si possono mettere in campo più controlli per essere sicuri che tutti adottino i protocolli adeguatamente. Chiudere le attività, alcune volte unica fonte di guadagno per intere famiglie sarebbe una vera tragedia. Che bisogna scongiurare assolutamente»

ha lamentato il presidente Aicast, Antonino Della Notte.

CC